Home page Separatore Cosa facciamo Separatore News Separatore LABORATORI BUONE PRATICHE

LABORATORI BUONE PRATICHE

LABORATORI BUONE PRATICHE

Presentati gli esiti l'8 marzo

di Silvia De Vogli

Si è appena concluso il primo ciclo dei laboratori "Buone pratiche" avviati dal consorzio a ottobre e realizzati con la supervisione di Euricse. Nell'incontro di presentazione degli esiti la presidente Serenella Cipriani ha evidenziato come i laboratori, che si sono articolati in incontri con esperti, momenti di confronto fra i partecipanti e visite studio, abbiano innanzitutto permesso di testare un modo diverso di approcciare i temi dello sviluppo avendo a mente la nuova funzione del consorzio come facilitatore.

Indipendentemente dal tema affrontato, i Laboratori rappresentano, infatti, la nuova modalità individuata all'interno del riassetto organizzativo del consorzio basato sulla creazione di tre Aree (Lavoro, educazione, Salute e benessere) per raccogliere istanze ed elaborare progettualità, anche replicabili, da sviluppare poi con il supporto del consorzio attraverso la ricerca e sviluppo, la progettazione e il policy design.

I primi tre laboratori partecipati da 25 cooperative sono stati dedicati alla filiera dell'economia inclusiva; i servizi educativi per il tempo libero; la prevenzione per la salute e il benessere dei giovani.

La vicepresidente Bruna Penasa ha illustrato gli esiti del laboratorio dell'Area Lavoro che si è concentrato in particolare sui centri di trasformazione. "Dalla mappatura compiuta è emerso che ce ne sono già 42, gestiti da 25 cooperative che coinvolgono circa 1000 persone (di cui 250 lavoratori, più di 600 utenti e oltre 200 volontari. Ne abbiamo esaminato le caratteristiche comuni a prescindere dagli oggetti specifici del processo di trasformazione (si va dai materiali di scarto all'energia fino ai prodotti agricoli). L'obiettivo era costruire sulla base di questi un progetto unitario e individuare eventuali spazi di  miglioramento. Dall'analisi sono emersi quattro elementi peculiari: la coproduzione (partecipazione di più attori con anche conferimenti in termini di dono di materialie di  tempo volontario), il marketplace (ovvero la presenza di spazi commerciali destinati alla vendita); la produzione culturale che evidenza l'importanza della creazione di senso in relazione agli oggetti e ai luoghi,e infine l'informalità generativa che permette la costruzione di legami fiduciari. Il compito ora sarà di avviare le opportune azioni di supporto come la formazione per degli operatori e il rafforzamento della rete commerciale anche attraverso il canale on line".

La necessità di guardare al mercato è emersa anche nel laboratorio dedicato ai servizi per il tempo libero dell'Area Educazione. "A fronte di una domanda (genitori, istituzioni, ma anche aziende) sempre più esigente, l'offerta rischia di essere affollata e improvvisata - ha affermato la responsabile Francesca Gennai. C'è quindi bisogno di ripensarsi in termini di organizzazione e valorizzazione degli elementi di qualità. Per farlo il laboratorio ha lavorato su: analisi dei dati relativi a offerta e domanda; identificazione degli elementi distintivi della qualità agita nelle attività offerte dalle cooperative sociali; mappatura degli interlocutori  esistenti e potenziali. I prossimi passi saranno quelli di un coordinamento unitario delle proposte e il potenziamento anche attraverso promozione e comunicazione distintiva".

La prevenzione al centro dell'attenzione del laboratorio dell'Area salute e benessere è stata declinata rispetto ai ragazzi tra i 14 e i 16 anni. "Si tratta, ha affermato il responsabile Mario Fiori - di una fascia di età in cui sta aumentando il disagio e in cui spesso si interviene in termini emergenziali, quando le situazioni sono già diventate complesse". Nei prossimi mesi le coop del laboratorio proveranno a sviluppare insieme ai giovani di uno strumento che consenta di informarli rispetto alle molte opportunità di socializzazione e benessere che già esistono sul territorio.

E' possibile consultare le slide dell'incontro:

Area Educazione

Area Lavoro

Area Salute e Benessere

News

UNA SCUOLA PER RENDERE GLI STUDENTI FELICI E COMPETENTI

UNA SCUOLA PER RENDERE GLI STUDENTI FELICI E COMPETENTI

UNA SCUOLA PER RENDERE GLI STUDENTI FELICI E COMPETENTI
I PROFUGHI NEL PROGETTONE

I PROFUGHI NEL PROGETTONE

I PROFUGHI NEL PROGETTONE

Appuntamenti

25 Set 11:25 - 30 Set 19:25

Inaugurazione della Casa di Cinte Tesino

La nuova struttura di turismo sociale
15 Set 15:59 - 24 Set 15:59

Il volontariato di Fiemme e Fassa

36 le associazioni a Maso Toffa